Blog

SEO

FLoc: il nuovo metodo Google per raggiungere i consumatori

10th Apr 2021

FLoc acronimo di Federated Learning of Cohorts è l’alternativa sicura che Google propone ai cookie. In questi giorni è in corso una vera e propria rivoluzione nel mondo del tracciamento identificativo con finalità di marketing. I cookie di terze parti saranno progressivamente abbandonati per lasciare spazio ad un’innovativa tecnologia che pone maggiore attenzione sulla protezione della privacy e sulla sicurezza della navigazione.

Chetna Bindra, Group Product Manager, User Trust and Privacy in un lungo articolo, spiega cosa sia FLoc e scrive:

“…. FLoc è una nuova tecnologia in grado di raccogliere in grandi gruppi, persone con i medesimi interessi. Per farlo, utilizza i dati raccolti nei browser, che però non sono memorizzati da nessuna parte”.

In altre parole Google ha creato una sorta di “individuo anonimo nascosto nella folla” creato dall’analisi dei dati raccolti, ma non archiviati. L’API è integrata direttamente in Google Chrome come estensione. Questo sistema consente ad aziende ed imprese di raggiungere i consumatori, con vari contenuti e pubblicità, attraverso i grandi raggruppamenti di persone con interessi simili. I dati raccolti dal browser però sono elaborati esclusivamente a livello di dispositivo locale utilizzato, quindi dallo stesso smartphone, tablet o laptop. In questo modo la cronologia sul browser rimane privata e sicurezza e privacy dell’internauta sono garantiti.

Come funziona FLoc

Il funzionamento è piuttosto semplice. FLoc utilizza algoritmi di apprendimento automatico per analizzare i dati di migliaia di utenti. Con questi dati riesce poi ad aggregare varie persone con interessi simili, creando i raggruppamenti che Google chiama “coorte”. I dati raccolti dal browser relativi ai singoli individui, non sono mai condivisi. Invece i dati generici del gruppo di migliaia persone creato da FLoc, sono condivisi e usati per indirizzare gli annunci.

In Google sono già stati fatti diversi test che hanno messo alla prova FLoc, confrontando questa soluzione con la precedente fondata “sui segmenti di pubblico basati sugli interessi dei singoli individui”. I risultati sono molto soddisfacenti tanto da poter considerare FLoc un degno sostituto dei cookie di terze parti.

Google stima che questo sistema sarà in grado di far raggiungere una conversione pari al 95% per dollaro speso agli inserzionisti.

FLoc è disponibile da marzo 2021 con origin trials, che consente di usare i raggruppamenti basati su FLoc per i test pubblici. Previsioni dicono che già dal secondo trimestre di quest’anno questa tecnologia sarà estesa a Google Ads. The Big G mette comunque a disposizione un “manuale di istruzioni” di FLoc, il whitepaper di FLoc pubblicato su GitHub (dove Google ha anche caricato la base di codice per FLoc aperta a tutti).

Il progetto di Privacy Sandbox

Partito nel 2019, il progetto Privacy SandBox ad opera di Google, vede l’azienda di Mountain View coinvolta in un serio tentativo di rendere il web un posto più sicuro per gli utenti. Sicuro si, ma rendendosi sempre conto che vive grazie al marketing e alla pubblicità. Di questo progetto, oltre a FLoc (che non è ancora detto che sia la risposta definitiva al problema cookie terze parti), fa parte anche FLADGE. Questo sistema, messo a punto anche grazie all’intervento di Criteo, NextRoll, Magnite e RTB House, prevede l’ausilio di un server di fiducia per conservare le informazioni sulle offerte e sui budget di una campagna.

Un protocollo che consentirà di raggiungere segmenti di pubblico rilevanti, attraverso, ad esempio, il remarketing, ma rispettando sempre e comunque la privacy dell’internauta.

Prima consulenza senza impegno

UN NOSTRO CONSULENTE SARÀ A TUA DISPOSIZIONE IN MENO DI 24H

Fissa un’appuntamenrto ora